Lavoro

Diventare criminologo: guida pratica per accedere alla professione

Il mestiere comporta tantissimo studio e sacrifici, inoltre non esiste un percorso esattamente lineare per questa figura professionale

Csi e la cronaca nera sono la tua grande passione? Forse la professione che fa per te è proprio quella del criminologo! Non dobbiamo aspettarci un mestiere da film di Hollywood, ma un lavoro per cui occorre preparazione e metodo: lo studio della criminologia, però, si basa su argomenti che potrebbero proprio appassionarti, ovvero, sui reati, sugli autori dei reati e le vittime, nonché sui vari tipi di condotta criminale. Inoltre analizza le forme possibili di prevenzione del crimine, i metodi di reinserimento sociale e il supporto per le vittime.

Data la vastità dell’argomento, viene da sé che un criminologo possa specializzarsi in diversi settori e si debba occupare di molte cose, dalla consulenza all’analisi e ricerca nei campi investigativi, giudiziario e penitenziario: potremo avere quindi un criminologo clinico, forense e investigativo e della sicurezza.

Non è un caso che la figura del criminologo stia riscuotendo sempre più successo! Ma attenzione, il mestiere comporta tantissimo studio e sacrifici, inoltre non esiste un percorso esattamente lineare per questa figura professionale.

Sei interessato alla questione? Se questa è la professione che vuoi svolgere nella tua vita, resta da chiarire il punto su come diventare criminologo. In Italia, purtroppo, l’offerta formativa universitaria è scarsissima, anche se sono presenti dei corsi di laurea a indirizzo criminologico. Tuttavia, non sono consigliati per esercitare questa professione, perché piuttosto generalisti e limitativi. Ciò che invece è consigliabile è scegliere un diverso tipo di università, prendendo una laurea in Sociologia, Medicina, Psicologia o Giurisprudenza per poi specializzarsi nella materia, magari con un Master in Criminologia.

È probabile che un laureato in quelle discipline già lavori o comunque abbia molti altri impegni che non consentono di tornare a studiare all’Università: non ci sarebbe compatibilità di orario con le lezioni, non si riuscirebbe a seguire lo studio come si deve perchè, magari, si è liberi solo il week end. In questo caso, la soluzione potrebbe essere l’Università Telematica per la sua estrema flessibilità: al giorno d’oggi sono diverse quelle riconosciute dal Miur, come Unicusano.

La scelta del corso di studi universitario deve essere funzionale al tipo di criminologo che si vuole diventare: un criminologo clinico dovrà avere conoscenze mediche o psicologiche approfondite, mentre un criminologo forense, oltre ad avere infarinature generali sulle altre materie, dovrà conoscere il codice penale praticamente a memoria per non cadere in cavilli legali.

Altre caratteristiche che potrebbero aiutarti a diventare criminologo? Innanzitutto tanta intraprendenza e determinazione. Come accennavamo prima, il percorso per diventare criminologo non è ben tracciato e non esiste un albo della professione, quindi per arrivare bisogna davvero essere tenaci. Inoltre, è indispensabile avere un buon senso critico, la capacità di ascoltare attivamente e risolvere problemi complessi e una gran dose di adattabilità.

Ma quali sono i settori pratici in cui lavora un criminologo? Eccone un elenco!

  1. istituzioni carcerarie;
  2. giudici onorari, membri non togati del Tribunale di sorveglianza o del Tribunale per i minorenni;
  3. attività peritale come perito nominato dal giudice o da una delle parti, nell’ambito di un procedimento penale;
  4. enti locali come consulenti per la gestione della sicurezza urbana;
  5. strutture pubbliche per la prevenzione della devianza e della criminalità.

Articoli collegati

Guarda anche
Close
Back to top button