Guide

Come funziona l’Inbound Marketing: la guida pratica

La guida completa che ti permetterà di conoscere e usare le strategie digitali.

E’ possibile utilizzare delle strategie al fine di farsi trovare da una serie di persone che sono interessate a un prodotto che la tua azienda vende? La risposta è affermativa, e queste strategie digitali si chiamano Inbound Marketing. Utilizzandolo al meglio è possibile attirare un dato numero di persone e utenti verso il tuo marchio, fino a trasformarle da contatti a clienti, e per finire a promotori.

Fino a prima del 2005 (anno della nascita di queste strategie) si utilizzavano i metodi di outbound, come per esempio l’acquisto di annunci o le mailing list. Ora però ci si concentra sulla realizzazione di contenuti di qualità, il cui scopo è quello di attirare le persone. E’ quindi importante riuscire a trovare un equilibrio tra i contenuti che si pubblicano e gli interessi della clientela. Il tutto viene fatto poi per attirare nuovo traffico in entrata.

Per fare Inbound Marketing è bene pensare a contenuti di qualità

Se si vuole attirare un utente e fare in modo che diventi un cliente, è bene creare contenuti che siano personalizzati. Ogni prodotto o servizio dovrà rispondere alle esigenze e ai bisogni reali di una persona, in modo da risolvere una o più casistiche. Distribuendo questi contenuti potrai così puntare sulla promozione mirata ed efficace, andando a promuovere un dato bene e accompagnare l’intero ciclo d’acquisto.

Gli utenti potranno così conoscere il tuo brand, l’azienda, scoprire che cosa produce e quali servizi sa offrire, e infine potrà acquistare una o più volte. Ma è solo pubblicando il contenuto giusto, sfruttando i migliori canali, che si potrà ottenere la risposta più valida. Tutto ciò comprende quindi un sito internet, i blog, i social network e i motori di ricerca. Praticamente tutto quello che internet mette a nostra disposizione. E’ presto detto che l’Inbound Marketing è multi-canale, e capace di avvicina le persone, ovunque esse siano, al tuo marchio, sfruttando il canale che stanno utilizzando.

Vi sono ben 4 azioni da attuare per raggiungere tutto ciò che abbiamo appena citato: prima di tutto bisogna attrarre, poi convertire, si passa a chiudere e infine si deve sorprendere. Una volta che avrai ottenuto l’attenzione degli utenti, dovrai portare il maggior numero di persone a indirizzarsi verso la fase successiva. Sì, quella dell’acquisto.

Il significato dei fattori fondamentali dell’Inbound Marketing

Se vuoi attrarre dovrai arrivare al cuore di coloro che hanno più probabilità di diventare contatti, ovvero persone che hanno bisogno del tuo servizio o prodotto. In questo modo le farai tornare una seconda volta, e ancora! Convertire vuol dire trasformare i visitatori in clienti e contatti, per fare in modo da ottenere le loro informazioni e dati personali. In questo modo potrai conoscerli maggiormente, e capire come migliorare l’offerta verso quella particolare nicchia di mercato.

Se arrivi invece a chiudere la vendita, vuol dire che la tua strategia funziona. Puoi stabilire a questo punto un rapporto diretto con i clienti, in modo da farti ricordare nel tempo, e nutrire il tuo pubblico. Ed è qui che inizia la fase della sorpresa! Se hai già venduto un prodotto a qualcuno, non dovrai dimenticare quelle persone, ma fare in modo che siano coccolate e sorprese, così da tornare ad acquistare sul tuo store.

Come funziona l’Inbound Marketing: la guida pratica
5 (100%) 1 vote

Tags

Articoli collegati