News

BitPay aggiungerà il supporto XRP entro la fine dell’anno

Il fornitore di servizi di pagamento elettronico BitPay ha annunciato che aggiungerà il supporto a XRP (il token di Ripple), la terza valuta digitale più importante al mondo per capitalizzazione di mercato, entro la fine di quest'anno

Come ci ricordano gli esperti di www.lecriptovalute.org, il fornitore di servizi di pagamento elettronico BitPay ha annunciato che aggiungerà il supporto a XRP (il token di Ripple), la terza valuta digitale più importante al mondo per capitalizzazione di mercato, entro la fine di quest’anno.

Rivelando la notizia in esclusiva al magazine The Block, mercoledì scorso, BitPay ha dichiarato di aver collaborato con l’unità Xpring di Ripple per integrare XRP sulla sua piattaforma in modo che le aziende e i privati professionisti possano accettare la valuta digitale il prima possibile.

Secondo quanto afferma Sean Rolland, responsabile del prodotto presso BitPay, XRP è in grado di offrire un’opzione di pagamento veloce, conveniente e scalabile, con caratteristiche che sono evidentemente molto gradite agli operatori che desiderano disporre di un servizio dedicato a soddisfare la propria esigenza di commercio e di gestione della liquidità.

In particolare, grazie a questa partnership, gli utenti che usano il wallet BitPay, così come i suoi titolari di carta prepagata, saranno in grado di conservare e di spendere XRP tramite la propria rete di professionisti e di aziende.

Ricordiamo che, proprio il mese scorso, BitPay ha affermato di aver aggiunto il supporto per Ether (ETH), il token di Ethereum. L’azienda supporta anche i pagamenti in Bitcoin (BTC) e Bitcoin cash (BCH), così come i pagamenti in tre stablecoin, come USD Coin (USDC), Gemini Dollar (GUSD) e Paxos Standard Token (PAX).

BitPay ha elaborato l’anno scorso oltre 1 miliardo di dollari in pagamenti da parte di aziende globali come Microsoft, Dish Networks, FanDuel e Avnet. “L’attività B2B di BitPay continua a crescere rapidamente poiché la nostra soluzione è più economica e veloce di un bonifico bancario proveniente dalla maggior parte delle regioni del mondo“, ha poi aggiunto Stephen Pair, co-fondatore e CEO di BitPay.

A proposito di stablecoin, e a conferma del dinamismo che sta emergendo in questo comparto, un gruppo di ex dipendenti di JPMorgan, Intel e TrustToken ha affermato di aver lanciato una nuova moneta stabile supportata dal dollaro USA, con un modello di condivisione dei ricavi. Soprannominata USD Digital (USDD), la stablecoin è stata lanciata dalla Global Currency Organization (GCO), con l’obiettivo di condividere i suoi ricavi con gli exchange partecipanti, i fornitori di wallet e i desk over-the-counter o OTC.

Attualmente, tutti i progetti fiat-backed stablecoin generano entrate dai fondi che sostengono il loro token, mantenendo il 100% delle entrate“, ha dichiarato l’organizzazione in un recente evento, aggiungendo poi che il proprio progetto ha l’intenzione di “capovolgere questo modello a testa in giù“, condividendo le sue entrate con una rete aperta di partner istituzionali.

La stablecoin USDD è un token ERC20 costruito su Ethereum ed è interamente sostenuto da dollari USA, ha poi precisato ulteriormente GCO, aggiungendo che la società di contabilità Cohen & Co. fornisce le opportune certificazioni che attestano la correttezza del supporto USD. La società ha inoltre affermato che USDD è la sua prima stablecoin, ma che ha intenzione di lanciare più monete stabili in futuro.

Tags

Articoli collegati